IT-CPA-ST0109-0000001

Archivio del Centro di documentazione storico politica sullo stragismo (Cedost)

1996 - 2007
con docc. dal 1952

359 buste

Si compone della documentazione raccolta dal Centro nel corso della sua attività di ricerca, classificazione, conservazione e analisi del materiale utile per la comprensione dello stragismo e del terrorismo, e in particolare di:

- resoconti stenografici delle sedute e relazioni periodiche della Commissione parlamentare stragi, della (…)

vai al menu di navigazione nell'archivio

Identificazione

Identificativo scheda IT-CPA-ST0109-0000001
Identificativo gerarchico scheda 00001
Livello di descrizione fondo
Denominazione Archivio del Centro di documentazione storico politica sullo stragismo (Cedost)
Data 1996 - 2007
con docc. dal 1952
Consistenza 359 buste
Soggetto conservatore Istituto per la storia e le memorie del '900 Parri Emilia-Romagna
Via S. Isaia 18 - 40123 Bologna
vai alla scheda

Contesto

Soggetti produttori
Storia archivistica La documentazione raccolta dal Centro nel corso della sua attività di ricerca, costituita principalmente di ritagli di giornale e periodici, fu fin dall'inizio articolata secondo un principio tematico che portò alla costituzione di piccoli raggruppamenti (terrorismo rosso, strage di Bologna, estrema destra, etc.) all'interno dei quali le unità di conservazione furono numerate progressivamente da 1 a n.

Alla rassegna stampa il Centro affiancò progressivamente, sebbene in misura quantitativamente inferiore, documentazione in copia prodotta dall'autorità giudiziaria e relativa a procedimenti penali attinenti ai reati di strage, terrorismo, eversione e omicidio, nonchè copia degli atti prodotti dalle commissioni parlamentari incaricate di analizzare il fenomeno del terrorismo (Commissione stragi) e l'attività dei servizi segreti sovietici in Italia (Commissione Mitrokhin), e dal Comitato parlamentare di controllo sui servizi di sicurezza (Copaco).

Mentre la documentazione parlamentare fu ordinata in nuclei coincidenti con le singole commissioni e conservata in buste numerate da 1 a n., le carte di natura giudiziaria, più sparute e disarticolate, e costituite principalmente da perizie e sentenze, furono per lo più lasciate sciolte.

Dopo il trasferimento della sede del Centro da via Castiglione all'ex convento di Sant'Elia in via Sant'Isaia 18, il fondo fu sottoposto a un primo intervento di descrizione che portò, tra la la fine del 2006 e l'inizio del 2007, alla produzione di un elenco di consistenza della documentazione.

L'intervento non individuò all'interno del fondo alcuna partizione nè provvide al riordinamento e al condizionamento della documentazione ancora sciolta, ma si limitò a riportare - secondo una sequenza determinata dalla disposizione sugli scaffali - la denominazione, il numero di corda e gli estremi cronologici delle unità di conservazione, mentre dei documenti sciolti collocati direttamente a scaffale recuperò l'oggetto e la data.

Contenuto

Si compone della documentazione raccolta dal Centro nel corso della sua attività di ricerca, classificazione, conservazione e analisi del materiale utile per la comprensione dello stragismo e del terrorismo, e in particolare di:

- resoconti stenografici delle sedute e relazioni periodiche della Commissione parlamentare stragi, della Commissione Mitrokhin e del Comitato parlamentare di controllo sui servizi di sicurezza (Copaco);
- atti giudiziari concernenti procedimenti penali in materia di stragi, terrorismo, eversione, golpismo e omicidio;
- rassegna stampa sullo stragismo e sulle organizzazioni terroristiche ed eversive, nonchè su singoli fatti delittuosi, omicidi e manifestazioni;
- bibliografie e cataloghi di pubblicazioni inerenti gli interessi di ricerca del Centro.

Si compone inoltre della documentazione donata al Centro dall'avvocato dello Stato Fausto Baldi e dall'Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980.
Criteri di organizzazione Nel corso del presente intervento si è provveduto al riordinamento e al condizionamento in buste della documentazione di natura giudiziaria rinvenuta sciolta, nonchè alla ricongiunzione dei ritagli stampa e degli atti delle commissioni d'inchieste fuori posto o sciolti alle partizioni già esistenti.
All'interno del fondo sono state così individuate le seguenti serie:

- Rassegna stampa;
- Inchieste giudiziarie;
- Inchieste parlamentari;
- Bibliografie e cataloghi.

In coda alle serie sono stati collocati i seguenti subfondi:

- Fausto Baldi;
- Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980.

Sono state infine predisposte le schede descrittive dei soli livelli alti (fondo, subfondo, serie, s.serie).
Incrementi previsti Il soggetto produttore è ancora attivo, pertanto sono previsti periodici incrementi della documentazione.

Fonti e risorse collegate

Condizioni d’uso

Strumenti di ricerca su web
Stato di conservazione buono

Note

Note redazionali Inventario a cura di Salvatore Alongi e Lorenza Iannacci, redatto nel 2012 nell'ambito del progetto "Una città per gli archivi" promosso dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e dalla Fondazione Cassa di risparmio in Bologna.