IT-CPA-FT0073-0000251

Bodhisattva Siddhārtha

1902 - 1903 (date attribuite)
riferimenti biografici

1 singola foto , positivo

clicca per ingrandire
vai al menu di navigazione nell'archivio

Identificazione

Identificativo scheda IT-CPA-FT0073-0000251
Identificativo gerarchico scheda 00001.00003.00208
Livello di descrizione documento
Titolo Bodhisattva Siddhārtha (attribuzione del catalogatore)
Data 1902 - 1903 (date attribuite)
ricavata da riferimenti biografici
Consistenza 1 singola foto , positivo
numero di inventario FLP.516
Unità di conservazione scatola 12

Contesto

Responsabilità principali fotografo non identificato (fotografo principale) - attribuzione presunta

Contenuto

Note storiche Un disegno della statua è stato pubblicato in Grunwedel (1901: 183, fig. 130), che la identifica come giovane Bodhisattva. Ingholt, che appunta il numero di registro associato al Lahore Museum, corrispondente al "135" che si legge nella fotografia, aggiunge che la scultura proviene dal sito di Sahr-i-Bahlol, non distante da Takht-i-Bahi, nella valle di Peshawar, e precisa che fu prelevato dal grande stūpa (1957: 132 e fig. 282). Errington sostiene che la statua sia poi stata trasferita presso la Government Museum & Art Gallery di Chandigarh (1987: 457).
Criteri di organizzazione La stampa è montata su un cartoncino di supporto formato 17x24 cm.
Sul recto della stampa è presente il numero ms. a caratteri fotografici e evidenziato ad inchiostro "135", mentre sul verso del cartoncino di supporto è presente l'iscrizione ms. "179 Coll. Pullé".

La stampa era conservata all'interno della busta con etichetta recante l'iscrizione dattiloscritta "Cartone III: Ghandara (riconosciute)".
Numero di catalogo assegnato nel corso dell'intervento di catalogazione della fine degli anni Ottanta del Novecento: 179.

Descrizione fisica e riproduzioni digitali

fotografia b/n, gelatina bromuro d'argento/carta, 19,5x13,5 cm. , orientamento verticale

Fonti e risorse collegate

Bibliografia
  • A. Grunwedel, Buddhist Art of India, a cura di J. Burgess, London, Bernard Quaritch, 1901
  • H. Ingholt, Gandhāran Art in Pakistan, New York, Pantheon Books, 1957
  • E. Errington, The Western Discovery of the Art of Gandhāra and the finds of Jamālgarhī, 1987 notaTesi di dottorato, School of Oriental and African Studies

Condizioni d’uso

Note